KEITH JARRETT, GARY PEACOCK, JACK DEJOHNETTE

ad Umbria Jazz 13.

Domenica 7  luglio. Arena santa Giuliana. Ore 21.

Torna ad Umbria Jazz uno dei più grandi pianisti di sempre: Keith Jarrett. Un evento unico per festeggiare i 40 anni di Umbria Jazz e i 30 anni di attività del trio con Gary Peacock al contrabbasso e Jack DeJohnette alla batteria.

Il pianista di nativo di Allentown  è uno dei testimoni delle primissime avventure di Umbria Jazz. Nell’edizione ’74, la seconda della storia del festival, Jarrett suonò in solitudine a Perugia e a Villalago: il concerto precedeva di qualche mese la registrazione del famoso Koln Concert, ancora oggi, secondo molti, il suo disco-simbolo. Questo, per il Jarrett solo perforare.

Invece, più volte è tornato in Umbria con quello che possiamo considerare il trio pianistico per eccellenzacome lo fu a suo tempo quello di Bill Evans-Scott La Faro-Paul Motian. Se oggi c’è un erede di quel gruppo favoloso, forse il migliore in assoluto nel suo genere, ebbene, è il trio Jarrett-Peacock-DeJohnette. Un triangolo perfetto in cui regna l’ equilibrio, o meglio una classica armonia. E’ un piccolo grande gruppo che viene da lontano. Jarrett e DeJohnette suonarono assieme per la prima volta addirittura nel ’66, come membri del quartetto di Charles Lloyd, e  nel  ’69  si ritrovarono nel gruppo di Miles Davis. L’ incontro dei due con Peacock avvenne nel ’77, in un disco a nome del contrabbassista per l’ etichetta tedesca  Ecm. Ma fu dal 1983 che il gruppo diventò stabile con il nome trio  ”Standards”, perche’  in qualche modo votato alla rilettura del grande repertorio  popolare americano,  all’ epoca un po’ snobbato dai jazzmen che preferivano dedicarsi  a composizioni originali.

Umbria Jazz 13